Fondazione Felice Gianani

La Storia

Nel febbraio 1993 l’Associazione Bancaria Italiana promosse la costituzione della Fondazione “Felice Gianani”, al fine di onorare la memoria di Felice Gianani, Direttore Generale dell’ABI dal 1980 al 1992, attraverso la concessione di una o più borse di studio annuali a cittadini italiani laureati, che desiderino perfezionare gli studi intrapresi in materia di diritto dell’economia e di diritto bancario, con particolare riferimento a problemi internazionali, nonché in materia di diritto del commercio e degli investimenti internazionali.

A partire dal 2009, la Fondazione ha esteso la concessione di una o più borse di studio annuali a cittadini dell’Unione Europea laureati che desiderino perfezionare gli studi intrapresi in materia di relazioni internazionali con particolare riferimento all’economia e al diritto dei mercati finanziari nazionali ed internazionali.

Ai sensi dell’art. 5 dello Statuto, fanno parte di diritto del Consiglio di amministrazione della Fondazione

il Presidente, i Vice Presidenti ed il Direttore Generale “pro tempore” dell’ABI, nonché un membro nominato dal Comitato esecutivo dell’Associazione ed un membro nominato su designazione della famiglia Gianani.

L’importo della borsa di studio è stabilito in € 10.300,00.

A questa somma verrà aggiunto un contributo pari all’80% delle tasse universitarie, comunque, complessivamente non superiore a € 10.000,00.

La borsa di studio, di cui si trasmette in allegato il bando riferito al corrente anno, non è cumulabile con altra borsa o assegno di studio.

Trattandosi di un’istituzione le cui finalità e le modalità di raggiungimento delle stesse sono precisamente indicate nell’atto costitutivo e nello Statuto, i programma futuri appaiono caratterizzati dalla volontà di accrescere sempre più il livello qualitativo e scientifico delle borse di studio concesse, qualificando in misura crescente il prestigio ed il significato dell’iniziativa.